La fame chimica: perché la marijuana amplifica il senso di fame

Posted on Category:blog
La fame chimica

Chi nella propria vita ha consumato cannabis almeno una volta, sa bene cosa vuol dire provare la fame chimica. Uno degli effetti del consumo della marijuana, un aumento dell’appetito considerevole, anche se il corpo ha assimilato ciò di cui ha bisogno nell’arco della giornata. Proprio dal suo sopraggiungere anche nel momento in cui non si ha veramente bisogno le è valso il nome di famechimica, che deriva da un’azione esterna rispetto a quella svolta dal corpo nel momento in cui consuma ciò che si è assimilato con l’alimentazione. Ma in merito a ciò si sono sviluppate molte domande, come ad esempio, cosa la provoca, se si può contrastare e infine anche se fa ingrassare oppure no. In fondo intorno al mondo della cannabis, soprattutto negli ultimi anni e soprattutto da quando sono stati aperti gli shop cannabis free sono molte le domande che ci si pone, come ad esempio, se sia o meno possibile coltivare cannabis in casa, quindi iniziamo dalla fame chimica e tutto ciò che avresti sempre voluto sapere su di lei.

Cos’è la fame chimica       

La fame chimica è appunto il senso di vuoto allo stomaco che viene a crearsi dopo il consumo di marijuana. Si definisce chimica perchè non è dovuta dal corpo che ha consumato, svolgendo le sue funzioni, le sostanze nutritive che si ingeriscono con l’alimentazione. In sostanza una fame che soggiunge anche se non se ne ha proprio bisogno. In genere tale sensazione colpisce tutti coloro che consumano marijuana, ma chi ne fa un utilizzo abituale, probabilmente impara a riconoscerla ed è anche in grado di contrastarla. Su questa sensazione vanno ad influire diversi elementi della marijuana, tra cui anche la percentuale di cannabinoidi presenti nell’inflorescenza della dieta alimentare che si segue. Inoltre molto dipende anche dalla maniera in cui viene consumata la cannabis. Perchè sai bene che non si fuma solo, anzi ad oggi sono molti i prodotti alla canapa che è possibile trovare in commercio, tra cui le birre, il cioccolato e anche la tisana alla canapa.

Le cause della fame chimica

La fame chimica è causata dalle alterazioni che il consumo di cannabis porta a livello del sistema endocannabinoide e del bulbo olfattivo. Il sistema endocannabinoide è composto di 2 recettori, che sono attivati dai cannabinoidi che possono essere o assunti dall’esterno o sintetizzati direttamente dall’organismo.

Uno dei due recettori è responsabile dell’attivazione del senso di fame, mentre i secondi inviano la sensazione del senso di sazietà. Sembra che assumere cannabis vada ad agire sui secondi, impedendogli di rilasciare gli ormoni della sazietà mentre continua a rilasciare le endorfine beta per il senso di benessere e rilassamento. Sensazione ottenibile anche assumendo la tisana alla canapa. Ulteriori studi hanno provato come ci sia un recettore del bulbo olfattivo che è responsabile delle sensazioni olfattive, quando questo viene sollecitato si amplificano le sensazioni dell’olfatto aumentando l’appetito.

La fame chimica

Resistere alla fame chimica

Come detto in precedenza, i consumatori abituali di cannabis in genere tendono a riuscire a resistere alla fame chimica. Ma ci sono anche dei piccoli trucchetti che possono aiutarti a resistere alla fame chimica. Innanzitutto è importante tenere un regime alimentare completo e sano, che sia in grado di soddisfare il proprio fabbisogno senza sentire i morsi della fame. Altra cosa che puoi fare è svolgere attività fisica per smaltire in anticipo le calorie che si ingeriranno dopo. Quando la fame chimica sopraggiunge cerca di evitare i cibi grassi, quelli fritti e poco salutari. Inoltre non dimenticare di non far mancare mai il giusto apporto di acqua al tuo corpo.

Cibi preferiti

Certo, ti abbiamo detto che devi evitare i cibi spazzatura e focalizzarti su quelli salutari, ma in genere chi è colto da fame chimica predilige gli snack, il cibo da fast food, i dolci e le bibite gassate. Certo questo non vuol dire che per assecondare questa fame dovrai consumare per forza del cibo spazzatura, potresti ad esempio decidere di consumare marjuana prima dei pasti principali, per evitare di ingerire cibi che non siano salutari. In fondo la fame è fame, quindi puoi placarne il senso in qualunque modo, anche mangiando una bistecca e della verdura o un buon piatto di pasto al pomodoro.