Fumare cannabis: cosa fare quando si esagera

Posted on Category:blog
Fumare cannabis

Fumare cannabis è considerato dalla maggior parte persone una via di fuga dallo stress della quotidianità. Chi è abituato a fumare quotidianamente, sa gestire questo piccolo vizio di solito al meglio. Chi invece non è così abituato, potrebbe esagerare e incorrere così in alcune conseguenze negative. Stiamo ovviamente parlando degli effetti psicotropi. La cannabis infatti può modificare in modo intenso la percezione di sé e del mondo. Non si tratta però soltanto di questo. Stiamo parlando anche di fame chimica e disidratazione. Questi rischi non sono di certo gravi di per sé, ma è bene comunque evitare se possibile il loro sopraggiungere. Andiamo insieme a scoprire di cosa si tratta.

Fame chimica, di cosa si tratta

La fame chimica è uno tra i più diffusi effetti del consumo di cannabis. Si tratta di un aumento del senso di fame davvero molto intenso. Dopo poco dal consumo di cannabis, ecco che è come se lo stomaco fosse del tutto vuoto. Questa sensazione è intensa. Sopraggiunge in modo repentino. Chi non è abituato a fumare cannabis, può provare al suo sopraggiungere un po’ di ansia. L’ansia è dettata dalla paura di non riuscire a trovare qualcosa da mangiare al più presto.

Da cosa è causata? Nel nostro organismo sono presenti vari recettori. Tra questi, il recettore che attiva il senso della fame. È presente però anche un recettore che ha il compito di inviare al cervello dati sul raggiungimento della sazietà. I cannabinoidi sono in grado di agire su entrambi i recettori. Attivano il recettore del senso della fame. Agiscono poi anche sui recettori della sazietà, inibendoli. Si prova quindi fame anche se in realtà abbiamo mangiato da poco. È difficile inoltre, anche mangiando molto, sentirsi sazi. È da qui che prende il via la fame chimica.

Fumare cannabis

È difficile resistere alla sensazione di stomaco vuoto e fame. È bene però cercare di evitare in queste situazioni il cibo spazzatura. Si tratta di cibo infatti ricco di grassi e sin troppo calorico. Il suo consumo potrebbe avere effetti deleteri sulla salute. Meglio avere con sé degli snack salutari, in modo che la fame chimica non porti conseguenze negative.

Fumare cannabis: come evitare fame chimica ed effetti psicotropi

Molte persone che sono solite fumare cannabis, lo fanno soprattutto per rilassarsi. Sono persone che sentono il bisogno di staccare dalla propria routine quotidiana. Sentono il bisogno di allontanare lo stress. Purtroppo esagerando, ecco che è possibile incorrere in effetti psicotropi e fame chimica. Non solo, come vedremo insieme tra poco anche le disidratazione è un rischio importante. Chi fuma cannabis per rilassarsi e allontanare lo stress, dovrebbe prendere in considerazione il consumo di Cannabis sativa legale.

La cannabis light non ha effetti psicotropi di alcun genere. Proprio per questo motivo è legale, non è considerata infatti una droga. La sua assunzione inoltre non comporta fame chimica. Il senso di appetito può acuirsi, è vero, ma si tratta di un effetto blando. Il CBD presente nella cannabis light favorisce però il rilassamento, fisico e mentale. Gli effetti sono molto soggettivi, variano quindi da persona a persona. Provando varie qualità di cannabis light, è possibile trovare quella più adatta per le proprie esigenze. La cannabis legale è considerata valida per il rilassamento, ma anche per insonnia, attacchi di panico, depressione. Insomma, è un valido amico su cui fare affidamento!

Fumare cannabis: tra gli altri rischi, la disidratazione

Come abbiamo inizialmente avuto modo di osservare, i cannabinoidi hanno effetti sui recettori presenti nel nostro organismo. Hanno effetti anche sui recettori dedicati alla produzione di saliva. È proprio per questo motivo che fumare cannabis può comportare una sensazione di intensa secchezza alla bocca. Non si può parlare quindi di vera e propria disidratazione come in molti invece affermano. Su tratta solo di una ridotta produzione di saliva. La disidratazione potrebbe avere luogo solo nel caso in cui si fumi cannabis in luoghi chiusi troppo asciutti e caldi.

Chi ha paura della disidratazione, così come chi non sopporta l’effetto bocca secca, può portare sempre con sé dell’acqua fresca. Non è necessario bere molta acqua tutta insieme. È preferibile bere acqua a piccoli sorsi durante il corso della giornata. Fumando cannabis in modo eccessivo la sensazione però potrebbe non venire attutita comunque.